Welfare – Trattamento fiscale delle somme erogate alle lavoratrici madri

Tags:

L’Agenzia delle Entrate, con interpello n. 57 del 1° marzo 2024, ha esaminato il caso di una società che intendeerogare alle lavoratrici madri, che dopo il periodo di astensione obbligatoria utilizzano il periodo di maternità facoltativa o congedo parentale, un importo, sotto forma di welfare, corrispondente alla differenza tra il 100% della retribuzione lorda e l’indennità di maternità o congedo parentale, per un periodo di tre mesi e verificare se tale importo soddisfi i presupposti di non imponibilità di cui al secondo e terzo comma dell’articolo 51 del Tuir.

 

L’Amministrazione finanziaria, al riguardo, ha ribadito che i benefit devono essere messi a disposizione della generalità dei dipendenti o di categorie di dipendenti e che le disposizioni di favore non possono essere applicate se le somme o servizi sono rivolti ad personam o apportano dei vantaggi solo ad alcuni lavoratori.

 

Pertanto, dal momento lo status di maternità non appare idoneo a individuare una ”categoria di dipendenti”, le somme in oggetto hanno rilevanza reddituale in quanto, rappresentando un’erogazione in sostituzione di somme costituenti retribuzione fissa o variabile, rispondono a finalità retributive.

L’articolo Welfare – Trattamento fiscale delle somme erogate alle lavoratrici madri sembra essere il primo su Ebinter.

Categories

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Contributo nascite/inflazione

Domande presentabili a partire dal 15 Ottobre

 


L’Ente Bilaterale Territoriale del Terziario della Provincia Taranto, al fine di realizzare un sostegno per le famiglie dei dipendenti delle aziende aderenti, ha deliberato di assegnare a coloro che ne fanno richiesta, un contributo economico a sostegno delle famiglie.

Scopri i contributi dispobili

This will close in 0 seconds