Istruzioni Inps per il conguaglio dei fringe benefit 2023

Tags:

L’Inps, con messaggio n. 3884 del 6 novembre 2023, esamina la disciplina, per l’anno 2023, relativa all’erogazione dei c.d. fringe benefit per i lavoratori dipendenti e il relativo regime contributivo.

 

L’Istituto, in particolare, evidenzia l’aumento  della soglia dei fringe benefit (articolo 51, comma 3 del TUIR) limitatamente ai dipendenti con figli a carico (D.L. n. 48/2023, articolo 40, comma 1) fino a 3000 euro, comprensivi del pagamento delle utenze domestiche, per il periodo di imposta 2023 e, con riguardo alla restante platea di lavoratori dipendenti, l’applicazione dell’ordinario regime (articolo 51, comma 3 del TUIR), il quale prevede una soglia di esenzione fino a 258,23 euro.

 

Nel caso in cui, in sede di conguaglio, il valore e le somme relative ai fringe benefit risultino superiori ai limiti previsti per il periodo d’imposta 2023, 3mila euro per i lavoratori con figli a carico e 258,23 euro per gli altri lavoratori, il datore di lavoro dovrà provvedere ad assoggettare a contribuzione il valore complessivo e non solo la quota eccedente. Per la determinazione dei limiti citati si dovrà tener conto anche di quei beni o servizi ceduti da eventuali precedenti datori di lavoro.

 

Ai soli fini previdenziali, in caso di superamento dei limiti previsti, il datore di lavoro che opera il conguaglio dovrà provvedere al versamento dei contributi solo sul valore dei fringe benefit da lui erogati (diversamente da quanto avviene ai fini fiscali, dove sarà trattenuta anche l’IRPEF sul fringe benefit erogato dal precedente datore di lavoro).

 

Inoltre, non rileva ai fini contributivi, ma esclusivamente ai fini fiscali, l’agevolazione prevista all’articolo 1, comma 1, del D.L. n. 5/2023, relativa alla misura del c.d. bonus carburante, secondo la quale il valore dei titoli fino a 200 euro riconducibili a buoni benzina non concorre a formare il reddito di lavoro dipendente.

 

Pertanto, il valore del “bonus carburante” erogato nel corso dell’anno d’imposta 2023 concorre alla formazione del reddito da lavoro dipendente ai fini dell’assoggettamento al prelievo contributivo.

 

Al riguardo, si precisa che il “bonus carburante” costituisce un’ulteriore agevolazione, con efficacia ai soli fini fiscali, rispetto a quella prevista dall’articolo 40, comma 1, del D.L. n. 48/2023.

 

Ne consegue che la quota relativa ai buoni benzina fino a 200 euro, esente fiscalmente, che, in considerazione del valore degli ulteriori benefit ceduti, risulti eccedente la soglia di 3.000 euro per i lavoratori dipendenti con figli a carico o eccedente la soglia di 258,23 euro per i restanti lavoratori, è sempre assoggettata a contribuzione previdenziale.

 

Di contro, la quota relativa al bonus carburante eventualmente confluita nell’importo ancora capiente degli altri benefit resta esclusa dalla base imponibile ai fini contributivi.

L’articolo Istruzioni Inps per il conguaglio dei fringe benefit 2023 sembra essere il primo su Ebinter.

Categories

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Contributo nascite/inflazione

Domande presentabili a partire dal 15 Ottobre

 


L’Ente Bilaterale Territoriale del Terziario della Provincia Taranto, al fine di realizzare un sostegno per le famiglie dei dipendenti delle aziende aderenti, ha deliberato di assegnare a coloro che ne fanno richiesta, un contributo economico a sostegno delle famiglie.

Scopri i contributi dispobili

This will close in 0 seconds